previous arrow
next arrow
Slider

Vicino a noi

Villa Emma è in una posizione strategica in quanto a pochi km vi sono alcune delle località più belle e rinomate del Salento:

TORRE SPECCHIA:  La località prende il nome da una delle tante torri costiere di avvistamento del Salento, costruite fra il XV e XVI secolo per proteggere la popolazione dai frequenti attacchi di cui era oggetto da parte di diverse popolazioni del Mediterraneo, soprattutto Turchi.

SAN FOCA: È situata tra Torre Specchia Ruggeri e Roca Vecchia, sul Mare Adriatico. Il suo porto turistico è uno dei più importanti del litorale compreso fra Brindisi e Otranto. Originariamente un villaggio di pescatori, San Foca sta diventando negli ultimi anni un’importante località di villeggiatura durante il periodo estivo.

TORRE DELL’ORSO: Nota per l’ampia spiaggia di finissima sabbia color argento, Torre dell’Orso vanta un mare particolarmente limpido per le correnti del Canale d’Otranto. Grazie a questa caratteristica d’estate la località è frequentata da molti turisti ed è stata più volte premiata con la Bandiera Blu d’Europa per la trasparenza e la pulizia del mare.

ACAYA: Il piccolo centro di Acaya rappresenta uno dei rari esempi di città fortificata, con schema viario a maglia ortogonale, esistenti in Italia Meridionale. L’assetto urbanistico è dovuto all’architetto militare Giangiacomo Degli Acaya, già progettista del castello e delle mura di Lecce, che nel 1535 per conto di Carlo V lo fece cingere di mura, ampliò e fortificò il castello con baluardi, bastioni e fossato. È situato a 5 km dal mare Adriatico e dalla Riserva naturale statale “Le Cesine”.

RISERVA NATURALE “LE CESINE”: Il nome Cesine deriva da Segine che a sua volta deriva da seges che significa zona incolta e abbandonata. Segine era anche il borgo che sorgeva nei pressi del castello dell’Acaya. L’oasi rappresenta oggi una delle ultime zone paludose che in passato si estendevano da Otranto a Brindisi. Nell’oasi vi sono due stagni Salapi e Pantano Grande, alimentati dalla piogge, che sono separati dal mare da un cordone di dune sabbiose. L’oasi è gestita dal WWF.

AEROPORTO “LECCE – LEPORE – SAN  CATALDO”: L’aeroporto è stato costruito nel 1970 dall’Aeroclub di Lecce, all’epoca presieduto da Samuele Ciocca e destinato ad attività amatoriali ed alla scuola di volo. Nel 1990 causa mancanza di risorse l’aeroporto venne chiuso, ma dopo lavori di recupero e ampliamento della struttura si prevede a breve la riapertura. Attualmente dispone di una pista asfaltata di 927 metri e larga 45, che consente la partenza e l’arrivo di aerei fino a 50 tonnellate.

LECCE: E’ straordinaria, ricca di arte, storia e …movida serale. E’ una città dalla bellezza artistica unica ed inconfondibile, definita “Signora del Barocco”, “Firenze del Sud”, “Atene delle Puglie” è considerata uno dei gioielli architettonici tra i più rinomati in Italia. E’ “a misura d’uomo”, in cui è possibile spostarsi facilmente anche a piedi o in bicicletta. Il centro storico vivacissimo, è ricco di piccole botteghe di artigianato locale, di caffetterie e luoghi di ritrovo e ristorazione, negozi e servizi di qualsiasi genere.

E non solo: Otranto, Gallipoli, Porto Cesareo, Castro, S.M. di Leuca.